I VERBALI del Consiglio Pastorale

26 aprile 2021

Consiglio Pastorale

Presentazione dei rendiconti delle nostre Parrocchie

RELAZIONE SUL RENDICONTO ANNO 2020

PARROCCHIA DEI SANTI GERVASO E PROTASO

 

Anno 2020

 

L’anno appena trascorso, all’insegna della pandemia, ha evidenziato sotto l’aspetto economico/finanziario una forte riduzione nelle offerte, dovuta alla chiusura della chiesa per oltre due mesi, alle restrizioni nelle celebrazioni, al mancato svolgimento dell’Oratorio feriale ed estivo  oltre all’annullamento delle altre attività oratoriane.

La conseguenza di tale situazione emergenziale ha fatto registrare nella gestione ordinaria entrate  per euro 161.366,32 a fronte di spese di euro 197.510,76. La contrazione delle offerte  istituzionali (sante Messe, Battesimi, Matrimoni, Funerali, candele votive ed offerte varie) è stata di circa 20.000 euro a cui va aggiunto il mancato apporto dell’Oratorio feriale ed estivo, che nel 2019 ha contribuito per circa euro 13.800.

L’attività caritativa della parrocchia ha avuto entrate per euro 14.810,00 ed  uscite per euro 12.424,03.

La raccolta sollecitata con i media a fine aprile per aiuti alla parrocchia ha visto offerte euro 3.230 e per aiuti alla Caritas euro 2.470.

Le spese di gestione ordinaria più rilevanti, difficilmente comprimibili,  riguardano i costi dell’energia elettrica, gas metano ed acqua, le spese per specifiche attività parrocchiali, rimborso spese, costo del personale dipendente, oltre alle assicurazioni  ed imposte e tasse.

Fra le attività straordinarie si segnalano entrate per una eredità e rimborsi assicurativi.

Le spese straordinarie, coperte dai rimborsi assicurativi, hanno interessato l’ultimazione della sistemazione del tetto dell’Oratorio sopra il palco (per un terzo comunque a carico della parrocchia), la riparazione dell’impianto audio della chiesa oltre ad altri interventi minori.

La parrocchia ha invece sostenuto con le proprie disponibilità le spese straordinarie come il nuovo impianto di diffusione/altoparlanti della chiesa, approntato il nuovo confessionale tra l’altare della Sacra Famiglia e quello della Madonna, sostituiti ed installati nuovi impianti di condizionamento, oltre ad interventi vari, non rinviabili, in Oratorio.

 

Come avvenuto nelle altre parrocchie della Comunità i sacerdoti e le suore hanno rinunciato alla remunerazione  e o rimborso spese per qualche mensilità.

Complessivamente il rendiconto dell’anno 2020 si chiude con un disavanzo di euro 48.404.

 

Nell’anno la parrocchia è intervenuta con un prestito temporaneo di euro 30.000 a favore della parrocchia San Carlo, per affrontare un momentaneo problema di liquidità, prontamente restituito nel mese di agosto.

A fine 2020 la parrocchia risulta creditrice per prestiti pregressi nei confronti della altre parrocchie per un totale di euro 438.000 come segue:

San Carlo euro 20.000

San Pietro euro 150.000

Beata Vergine Immacolata euro 268.000

 

Intanto i lavori presso l’Oratorio Paolo VI si stanno prolungando, in quanto si è in attesa della risposta dell’Agenzia delle Entrate in merito al “Bonus Facciate”.

 

RELAZIONE SUL RENDICONTO ANNO 2020

PARROCCHIA SAN  CARLO

 

A seguito dell’emergenza pandemica, nell’anno in esame,  anche la parrocchia San Carlo  ha visto ridursi notevolmente le entrate istituzionali a fronte di spese di gestione poco comprimibili.

 

Importante è la conseguente riduzione delle offerte istituzionali quali le Sante Messe, Battesimi, Matrimoni, Funerali, candele votive ed altre offerte a cui si aggiunge la mancata attività oratoriana, in particolare l’oratorio feriale, oltre  alla Cresima ed alla Santa Comunione.

Solo questo voci evidenziano una riduzione delle entrate istituzionali di euro 33.341,25 rispetto al 2019.

Le spese per la gestione ordinaria sono ammontate ad euro 63.145,09 contro entrate istituzionali per euro 41.149,37. Nel 2020 sono state pagate spese sostenute nel 2019 ma rinviate per la mancanza di liquidità.

Le voci più significative delle uscite ordinarie riguardano l’energia elettrica, gas  metano ed acqua,

manutenzione ordinaria, assicurazioni ed imposte e tasse.

Sono state liquidate spese di manutenzione straordinaria per la centrale termica, sistemazione dell’impianto elettrico del campo di calcio, ed altre minori,  in parte coperte da rimborsi assicurativi.

Nell’anno è stata pagata le rata annuale per l’impianto audio della chiesa per euro 3.188,88.

 

Fra le entrate straordinarie la parrocchia ha beneficiato a settembre del contributo a fondo perduto di euro 25.000 concesso dalla Diocesi per il “Fondo straordinario CEI 8x1000  emergenza Covid”

Mentre il bar dell’oratorio, chiuso da metà marzo 2020, ha avuto ristori dall’Agenzia delle Entrate nel 2020 per complessivi euro 6.000.

L’attività caritativa ha visto offerte per euro 28.775,00 di cui euro 28.340 per le adozione India.

Le erogazioni sono state per adozioni India di euro 27.536,60 ed euro 2.031,60 per missioni ed emergenze.

La parrocchia Santi Gervaso e Protaso ha concesso tra aprile e giugno un prestito temporaneo di euro 30.000 per far fronte alla mancanza di liquidità. Si è così provveduto a liquidare le fatture del 2019 riguardanti il bar e quelle per i lavori straordinari, più volte sollecitate.

Al 25 aprile il saldo del conto corrente era di euro 367,23.

Ad agosto è diventata operativa l’apertura di credito di euro 60.000 presso la BCC di Barlassina, con scadenza 31 marzo 2022. In tal modo nel mese sono stati restituiti euro 30.000 alla parrocchia Santi Gervaso e Protaso  del prestito temporaneo.

L’utilizzo della linea di credito attualmente consente alla parrocchia di liquidare con regolarità fornitori ed utenze.

Tuttavia è opportuna una attenta valutazione preventiva delle spese, tenuto conto che anche se la linea di credito verrà rinnovata, la parrocchia non ha cespiti da cedere, e prima o poi si dovrà rientrare dal credito concesso dalla BCC, a meno che qualche altra parrocchia o la Diocesi intervenga nella liquidità.

 Il 9 febbraio 2020 si tenne l’assemblea parrocchiale per la rappresentazione economica  finanziaria della parrocchia. Purtroppo non fu seguita da alcun sostegno economico.

A fine aprile venne fatto sui media un invito alla Comunità Pastorale a offrire contributi alle parrocchie a causa della chiusura delle chiese. La parrocchia San Carlo raccolse euro 260,00.

Sarebbe da valutare se trattasi di una carente informazione o purtroppo scarsa attenzione alla esigenze parrocchiali.

 

Riepilogando in estrema sintesi, la liquidità della parrocchia al 1° gennaio 2020 era di euro 9.850,93 è diventata al 31 dicembre 2020 euro -3.103,40 (negativo) per un disavanzo complessivo di euro 12.954,33.

 

Al 31 dicembre 2020 la parrocchia San Carlo presenta debiti verso privati per euro 20.600, verso la parrocchia Santi Gervaso e Protaso per euro 20.000 quale prestito infruttifero ed euro 23.887,38 per spese comunitarie non liquidate.

 

Per quanto riguarda la palestra si conferma che dal 4 giugno 2020 con contratto di “Donazione modale di proprietà superficiaria”, con autorizzazione Diocesana del 27 febbraio 2020, la proprietà della stessa è passata alla BCS 2011 per 15 anni.

La palestra quindi esce dalla gestione diretta della parrocchia, che non sarà più tenuta a sostenere, oltre alle spese di gestione, quelle relative alla manutenzione ordinaria e straordinaria; è in via di approntamento di un contatore autonomo per la palestra per il consumo di energia elettrica. Saranno  installati dei contatori per la misurazione del consumo di acqua e del calore utilizzati direttamente dalla palestra.

 

 

PARROCCHIA BEATA VERGINE IMMACOLATA

 

L’anno 2020 condizionato dalla Pandemia, è stato un anno veramente anomalo che non ha permesso alcuna attività e pertanto i conti che andiamo a presentare sono risultati esigui e poco significativi rispetto ai valori del 2019.

Le Entrate (ordinarie più straordinarie) sono state 159.009 euro rispetto alle 310.967 del 2019.  Le uscite 146.323 euro, rispetto alle 468.632 nel 2019.

Con un risultato positivo di 12.686 euro consistente in un leggero miglioramento del C/C.

Passivo bancario. (-126.115 rispetto ai - 138.902 del 2019)

        

Per 2 mesi sono state soppresse tutte le celebrazioni e rinviati battesimi, cresime, matrimoni. Alla ripresa, con i distanziamenti imposti, si è constatato un forte calo nella presenza dei fedeli alle S. Messe, cosa che rileviamo ancora oggi.

Con l’oratorio chiuso e il bar chiuso  non si sono potute svolgere le attività a favore dei ragazzi, e così anche le entrate sono state azzerate o quasi. 

Sono mancate le entrate dall’assenza di attività nelle feste come S. Antonio, Festa dell’oratorio, Festa Patronale, pesca di beneficienza, lotterie ecc.

La Parrocchia ha pertanto dovuto scongiurare possibili difficoltà finanziarie ricorrendo al recupero di risorse straordinarie e alla riduzione delle spese facendo economie dove possibile ..     

Sul versante delle Entrate:

Ha ottenuto dalla Arcidiocesi un aiuto a fondo perso causa Covid per 15.000 euro

Ha ricevuto da 2 Parrocchiani prestiti per totali 10.000 euro da rendere in 5 anni.

Risarcimenti Assicurativi per 13.788

Sul versante delle Uscite:

A marzo non è stato rinnovato il contratto con il Coordinatore dell’Oratorio e qualche mese dopo con la religiosa; per alcuni mesi il Vicario (come avvenuto nelle altre Parrocchie) ha rinunciato ad alcune mensilità del proprio compenso, mentre si è poi tentato di contenere tutte le altre spese dove possibile.

Purtroppo, non si è potuto comprimere più di tanto le spese di manutenzione agli impianti e all’immobile.

 

Malgrado le difficoltà sopra menzionate, l’attività Caritativa non è stata soppressa: infatti sono stati erogati 7.321 euro di cui 6.900 provenienti dalle offerte del Gruppo Missionario e destinate (5.700  alla Missione in Equador), dei 1.200 una parte è stata donata ad un Ente per i poveri e il rimanente ad un Ente in Medio Oriente;  infine 421 euro della Parrocchia destinati alla Caritas locale . 

Con il decreto Cura Italia e successivi le Rate di Mutuo sono state congelate con le relative scadenze e ciò ha permesso di non debordare dal fido di C/C.

Alla ripresa delle scadenze potremmo però trovare difficoltà perché la rata attuale di 6.642 euro mensili è divenuta insostenibile con le entrate di oggi e andrebbe ridotta a 3/4000 euro come massimo.

La Parrocchia, con la autorizzazione della Diocesi, ha preso pertanto contatto con un paio di Istituti di credito per ristrutturare il finanziamento, per diluirlo in più anni riducendo il valore della rata-.

 

Debiti attuali:

La Parrocchia è esposta con il Credito Cooperativo per -126.115 in C/C, per -514.379 per Mutuo, ha un debito con la Parrocchia S. Gervaso e Protaso per -268.000 euro, un debito con due Parrocchiani per - 10.000 e con la Arcidiocesi per 24.767.

 

Nel 2019 terminata la sistemazione del tetto della Chiesa Beata Vergine Immacolata, si è provveduto all’intervento sul parcheggio a fianco della Chiesa Parrocchiale S. Clemente con una spesa di 59.943 (oltre all’acconto di 5.500 versato nel 2018) per un totale di 65.443.

In febbraio 2020 la Parrocchia avrebbe voluto far partecipi i Parrocchiani fornendo informazioni sulla spesa sostenuta e sullo stato dei conti.

Dalla nota generosità dei fedeli di Baruccana, era lecito attendersi dei validi aiuti con offerte che avrebbero alleviato le esposizioni bancarie. 

Già pronti i tableau e le relazioni accompagnatorie da presentare ai fedeli invitati in Chiesa la domenica pomeriggio del 23/2, il sopraggiungere del divieto di assembramenti causa Covid ha annullato la riunione, impedito la prosecuzione del  programma e con esso la speranza di migliorare la nostra situazione finanziaria.         

 

Investimenti anno 2021

Con conti bancari piuttosto pesanti, causa il comportamento incivile e maleducato di gruppi di ragazzi che invadono il campo di calcio incuranti delle prescrizioni e delle regole di precauzione, (oltre a procurare danni) siamo costretti a procedere con altri investimenti per migliorare i sistemi di chiusura del campo, reti protettive e dare corso alla riparazione di alcune telecamere per le quali siamo ricorsi a richiedere il risarcimento assicurativo per atti vandalici.

 

RELAZIONE SUL RENDICONTO ANNO 2020

PARROCCHIA SAN  PIETRO

Premesso che l’anno 2020 è stato caratterizzato dalle norme antivirus per la pandemia sanitaria da  Covid-19, non è possibile fare un raffronto con l’anno precedente, in quanto tutte le celebrazioni sono state sospese da fine febbraio a buona parte del mese di maggio. Anche i Sacramenti dell’Iniziazione cristiana sono stati rimandati, così come non si è potuta celebrare la Pasqua e la festa di calendimaggio. Sono stati rimandati anche la maggior parte dei battesimi e dei matrimoni. Anche dopo la ripresa delle celebrazioni, a causa della paura del contagio, parecchi fedeli abituali hanno stentato a riprendere la frequentazione delle Messe, oppure non l’hanno ripresa affatto.

 La presente relazione pertanto ha lo scopo di presentare il 2020 come anno a sé.

 Il rendiconto di gestione al 31/12/2020 chiude con un saldo positivo complessivo di  €3.306,92.

Solo per una questione conoscitiva, si riportano i totali delle offerte  e delle spese in conto gestione ordinaria rispetto al 2019:

offerte da € 133.058,87 del 2019 a € 87.018,54 con un decremento pari al  35% circa;

uscite da € 152.051,63 del 2019 a € 87.070,49  con un decremento pari al 43% circa.

 Il saldo è risultato attivo per diversi fattori:

1) a fronte di una minore entrata di offerte, vi  è parimenti stata una minore uscita per il contenimento delle spese. In percentuale addirittura superiore a quella delle entrate;

2) la sensibilità dei parrocchiani che hanno risposto in modo assolutamente generoso con offerte ordinarie e straordinarie e rinvii nei rimborsi delle rate di prestito da privati;

3) una dilazione dei pagamenti ai fornitori, concordata con gli stessi, che ha consentito un maggior respiro di liquidità di cassa.

 

Qualche accenno per i punti suindicati:

1) essendo chiuso completamente l’oratorio e non avendolo più riaperto, non vi sono state entrate, ma sono diminuite considerevolmente o quasi azzerate le bollette delle utenze, così come per la palestra la cui gestione riporta un saldo attivo di circa € 3.400,00  a causa delle minori spese per la chiusura e per l’affidamento diretto agli utilizzatori di alcune mansioni come le pulizie, nonché al recupero di crediti verso il Comune di Seveso.

Sono state anche rinviate tutte le spese di manutenzione non urgenti;

 

2) per alcuni mesi il Vicario e la suora che prestava servizio hanno rinunciato alla remunerazione o rimborso spese, e dallo scorso mese di ottobre la religiosa non è più in servizio nella nostra Parrocchia.

Sono pervenute offerte a sostegno della Parrocchia. In particolare ogni mese una famiglia, puntualmente e mensilmente, faceva pervenire una consistente offerta che, unitamente ad altre, hanno aiutato molto nell’avere liquidità disponibile.

  Una nota a parte merita il capitolo prestiti da privati:

nello scorso mese di giugno 2020, una famiglia ha offerto la propria disponibilità ad accendere un altro prestito privato dell’importo di € 10.000,00, da restituire in 10 anni e senza interessi, come per gli altri.

Per la restituzione delle rate dei prestiti già accesi per la ristrutturazione della casa parrocchiale, a fronte di un importo totale previsto nel 2020 di € 9.800,00, in effetti è stato restituito un importo totale di € 7.300,00, in quanto due persone hanno rinviato di un anno la restituzione mentre un’altra ha donato l’importo della rata.

Va detto anche che un’altra persona ha deciso di donare il resto del suo prestito alla Parrocchia che quindi, a partire dal 2021, non dovrà più rimborsare le rate future per complessive €3.000,00.

 3) in accordo con i vari fornitori si è preparato un piano di pagamenti il più possibile dilazionato, estendendoli anche al 2021. In particolare per un fornitore che, a fronte di una fattura del 30/12/2017 riguardante la ristrutturazione della casa parrocchiale per qualche migliaia di euro, ha deciso di posticipare ulteriormente il pagamento, a discrezione della Parrocchia.

Va ringraziata anche la Parrocchia SS. Gervaso e Protaso che anticipa le attività comuni della Comunità Pastorale, quali ad es. la stampa della Virgola e altri libretti, l’organizzazione di celebrazioni comuni ed altro, che ha un arretrato da ricevere nei confronti della nostra Parrocchia di due anni.

 

Desideriamo anche sottolineare che l’attività caritativa, specifica di una Parrocchia, non è venuta meno, vedasi le generosissime offerte raccolte per la carità di quaresima e avvento, per i progetti Ospedale Pediatrico di Betlemme e Ewe Mama, le cui offerte sono state totalmente e celermente versate con bonifico bancario alle rispettive associazioni.

 

Non nascondiamo che vi sono stati momenti in cui si è temuto di non avere liquidità necessaria per far fronte agli impegni più prossimi e alle bollette in scadenza, ma la Provvidenza non è mai mancata.

 

Per ultimo dobbiamo riportare che le fatture e i sospesi ancora da pagare al 31/12/2020 ammontavano ad un totale di € 15.900,00 circa, mentre il totale dei prestiti da privati ancora da restituire ammontavano ad € 52.900,00.

In conclusione mai come quest’anno, così particolare e doloroso anche dal punto di vista economico per tante famiglie della nostra Parrocchia,  si è potuto toccare con mano la disponibilità e la generosità dei parrocchiani che hanno consentito di far fronte agli impegni assunti e alle spese improrogabili.

Madesimo

Il percorso per la vendita della Casa Alpina di Madesimo, che avrebbe dovuto essere già completato, ha subito una sospensione dovuta all’opposizione di uno degli eredi.

 

Scuola Parrocchiale

Non siamo ancora in grado, in questo momenti, di fornire i bilanci dell’ultimo anno sociale che ha subito pesanti conseguenze  per la pandemia ancora in corso.

Il Parroco ha comunque dato corso alla indicazione del Consiglio Pastorale di chiedere agli uffici addetti della nostra Curia Diocesana quali percorsi adottare per una unificazione di quelli che, per ora, sono due istituti distinti: scuola San Pietro Martire e scuola B.V. Immacolata. Restiamo in attesa di una risposta.

Sarà nostra cura dedicare una seduta straordinaria del CPCP quando avremo i dati economici e le indicazioni degli uffici diocesani.

©2021 Designed By Utility Line Italia

Search