IL VANGELO DEL GIORNO

Risultati immagini per Perché il mondo sia salvato per mezzo di lui

At 4,13-21; Sal 92; Gv 3,7b-15

23/4 GIO - II DI PASQUA [II]

Quando nella verità di Gesù si introduce un errore, all’istante se ne aggiungeranno altri. Negata la necessità del battesimo, costruito artificialmente il cristianesimo anonimo, all’istante cade la necessaria mediazione della Chiesa. Tutto è rimandato ad un Cristo invisibile, ad un mistero di salvezza invisibile, ad un fondamento invisibile, ad un sacramento invisibile. Si esce dalla visibilità, si precipita nell’invisibilità. E così in pochi anni dal Cristo invisibile si è passati al Cristo inutile, al Cristo neanche più necessario per la salvezza. Ma non ci siamo fermati al Cristo inutile. Siamo arrivati a negare lo stesso mistero della Trinità e dell’Incarnazione. Dal Dio trinità siamo passati al Dio unico, al Dio che è uguale per tutte le religioni. Questo procedimento di demolizione di tutta la fede della Chiesa una, santa, cattolica, apostolica, non è il frutto di quanti sono fuori dalla Chiesa. Esso è il frutto dei suoi figli.

Non però di figli che vivono ai margini, bensì di figli che hanno in mano le chiavi della scienza e della conoscenza assieme al potere di esercitare l’insegnamento. Si compie anche per la Chiesa quando Gesù diceva degli scribi del suo tempo: “Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito» (Lc 11,45-52). La Chiesa per anni ha coltivato nel suo seno questi virus di distruzione e di demolizione di tutto il mistero della salvezza. Ora diviene assai difficile purificare, bonificare il corpo di Cristo da questi agenti di distruzione e devastazione. Essi hanno aggredito ogni cellula. Ormai anche i piccoli e i semplici sono infettati di eresia.

Dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito». Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro d’Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.

Le parole di Gesù non consentono interpretazioni differenti da come le parole suonano all’orecchio. La salvezza del mondo viene per la fede in Cristo Gesù. Si predica Cristo, si crede in Cristo, ci si lascia battezzare, si diviene corpo di Cristo, si vive da corpo di Cristo, si cammina nella vita eterna verso la gloria del cielo. Se la Chiesa non predica il mistero di Cristo, il mondo viene giustificato nella sua idolatria, immoralità, falsità, menzogna, corrotta antropologia. Ma è la Chiesa che lo legittima e lo legalizza nella sua empietà. Oggi molti figli della Chiesa proprio questo stanno operando: stanno legalizzando tutto il male del mondo. Il colpo finale l’ha dato l’ultima eresia: Cristo a nulla serve. Alla fine tutti saremo accolti in Paradiso dalla misericordia del Padre.

Madre di Dio, Angeli, Santi, non fate che il cristiano si macchi di così orrendi peccati.

©2020 Designed By Utility Line Italia

Search