IL VANGELO DEL GIORNO

Immagine correlata

Ez 20,2-11; Sal 1 05; 1 Ts 2,13-20; Mc 6,6b-13

SABATO 30 MARZO

Cristo Gesù e la sua Parola sono una cosa sola. Anche il missionario di Gesù e la sua Parola sono una cosa sola. Il missionario è stato costituito proprio per questo: per annunziare la Parola della salvezza. Se la Parola non è accolta, lui non è accolto. Se lui non è accolto, la Parola non è accolta. Poiché la sua Parola è la sola di vita eterna, quanti non l’hanno accolta devono sapere che da questo istante la responsabilità è tutta sulle loro spalle. Questo è il significato della polvere che viene scossa dai propri sandali. Essa deve rimanere nella città a testimonianza verso di loro. Domani nessuno potrà dire: la Parola non mi è stata annunziata. La polvere si alzerà e testimonierà contro di loro in favore dei missionari di Gesù. Non è per disprezzo né per giudizio irreversibile, ma perché in questo momento il missionario è stato rifiutato.

Se qualcuno poi non vi accoglierà e non darà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dai vostri piedi (Mt 10, 14). Se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene, scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi, a testimonianza per loro" (Mc 6, 11). Quanto a coloro che non vi accolgono, nell'uscire dalla loro città, scuotete la polvere dai vostri piedi, a testimonianza contro di essi" (Lc 9, 5). Anche la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino (Lc 10, 11).

I Vangeli Sinottici riportano tutti e tre questo comando di Gesù. Sappiamo che negli Atti degli Apostoli Paolo e Barnaba scuotono la polvere dai loro piedi a testimonianza contro i Giudei che si opponevano contro di essi sobillando le donne della nobiltà. Da questo momento, i missionari dello Spirito Santo sono liberi di andare a predicare altrove. Non vanno di loro libera scelta, abbandonando i Giudei. Se ne vanno perché costretti. In questo istante finisce la loro responsabilità, inizia quella degli oppositori.

Il sabato seguente quasi tutta la città si radunò per ascoltare la parola del Signore. Quando videro quella moltitudine, i Giudei furono ricolmi di gelosia e con parole ingiuriose contrastavano le affermazioni di Paolo. Allora Paolo e Bàrnaba con franchezza dichiararono: «Era necessario che fosse proclamata prima di tutto a voi la parola di Dio, ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna, ecco: noi ci rivolgiamo ai pagani. Così infatti ci ha ordinato il Signore: Io ti ho posto per essere luce delle genti, perché tu porti la salvezza sino all’estremità della terra». Nell’udire ciò, i pagani si rallegravano e glorificavano la parola del Signore, e tutti quelli che erano destinati alla vita eterna credettero. La parola del Signore si diffondeva per tutta la regione. Ma i Giudei sobillarono le pie donne della nobiltà e i notabili della città e suscitarono una persecuzione contro Paolo e Bàrnaba e li cacciarono dal loro territorio. Allora essi, scossa contro di loro la polvere dei piedi, andarono a Icònio. I discepoli erano pieni di gioia e di Spirito Santo (At 13,44-52).

Il missionario di Gesù non deve predicare solo il Vangelo. Questa non è la sua missione piena. Lui deve annunziare la Parola e invitare alla conversione, cioè all’accoglienza di essa come Parola che da oggi dovrà governare la sua vita. Dopo la risurrezione c’è anche l’obbligo di battezzare, dare lo Spirito Santo, nutrire i fedeli con il corpo e il sangue di Gesù Signore. Il missionario è l’edificatore del Corpo di Cristo.

Gesù percorreva i villaggi d’intorno, insegnando. Chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Non c’è vera missione se non si costruisce sulla terra il Corpo di Cristo. Il missionario non è un antropologo portatore di filosofie nobili. Lui è un edificatore della Chiesa di Dio. Edifica la Chiesa edificando il corpo di Cristo. Senza battesimo non c’è Chiesa.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate inseparabili Vangelo, Conversione, Battesimo.

 

RICERCA NEL SITO

©2019 Designed By Utility Line Italia

Search