IL VANGELO DEL GIORNO

Immagine correlata

Gdt 8,2-8; Sal 10; 1Tm 5,3-10; Mt 5,13·16

MARTEDÌ 23 LUGLIO

Le opere sono il frutto della verità o della falsità di un uomo, della bontà o della cattiveria, della sua sana moralità o dell’immoralità e della malizia del suo cuore, della sapienza o della stoltezza. Con il Battesimo l’uomo diviene corpo di Cristo. Se è corpo di Cristo, deve produrre le opere della verità, giustizia, santità, misericordia, carità, perdono, riconciliazione, luce, vita eterna di Cristo Signore. Se produce le opere della carne, attesta di essersi separato dal corpo del suo Signore. Rivela di essere tralcio tagliato dalla vera vite. San Paolo ammonisce i Galati che sono le opere che rivelano se essi camminano secondo la carne o secondo lo Spirito. Natura carnale produce opere secondo la carne. Natura spirituale genera frutti secondo lo Spirito Santo.

Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà. Che questa libertà non divenga però un pretesto per la carne; mediante l’amore siate invece a servizio gli uni degli altri. Tutta la Legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Ma se vi mordete e vi divorate a vicenda, badate almeno di non distruggervi del tutto gli uni gli altri! Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste. Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge. Del resto sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è Legge. Quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Perciò se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito. Non cerchiamo la vanagloria, provocandoci e invidiandoci gli uni gli altri (Gal 5,13-26).

Gli Efesini, sempre da San Paolo, vengono illuminati perché si astengano da tutte le opere della carne. Non solo devono astenersi, le devono condannare apertamente.

Di fornicazione e di ogni specie di impurità o di cupidigia neppure si parli fra voi – come deve essere tra santi – né di volgarità, insulsaggini, trivialità, che sono cose sconvenienti. Nessun fornicatore, o impuro, o avaro – cioè nessun idolatra – ha in eredità il regno di Cristo e di Dio. Nessuno vi inganni con parole vuote: per queste cose infatti l’ira di Dio viene sopra coloro che gli disobbediscono. Non abbiate quindi niente in comune con loro. Un tempo infatti eravate tenebra, ora siete luce nel Signore. Comportatevi perciò come figli della luce; ora il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. Cercate di capire ciò che è gradito al Signore. Non partecipate alle opere delle tenebre, che non danno frutto, ma piuttosto condannatele apertamente. Di quanto viene fatto da costoro in segreto è vergognoso perfino parlare, mentre tutte le cose apertamente condannate sono rivelate dalla luce: tutto quello che si manifesta è luce. Fate dunque molta attenzione al vostro modo di vivere, comportandovi non da stolti ma da saggi, facendo buon uso del tempo, perché i giorni sono cattivi. Non siate perciò sconsiderati, ma sappiate comprendere qual è la volontà del Signore. E non ubriacatevi di vino, che fa perdere il controllo di sé; siate invece ricolmi dello Spirito, intrattenendovi fra voi con salmi, inni, canti ispirati, cantando e inneggiando al Signore con il vostro cuore, rendendo continuamente grazie per ogni cosa a Dio Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo (Ef 5,3-20).

Se il cristiano è in Cristo natura di luce, deve illuminare. Se è natura di sapienza, deve agire scegliendo sempre il bene. I frutti rivelano se la sua natura è luce oppure è tornata ad essere tenebra. Non sono le sue parole, ma le sue opere viste dagli uomini che faranno innalzare una grande gloria al Signore, nel quale diciamo di credere.

Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che le nostre opere siano tutte frutti secondo lo Spirito.

RICERCA NEL SITO

©2019 Designed By Utility Line Italia

Search