IL VANGELO DEL GIORNO

Immagine correlata

Ger 33,17-22; Sal 8; Eb 13,7-17; Mt 7,24-27

25/9 MER - S. ANATALO E TUTTI I S. V. MILANESI

La nostra roccia non è la Parola di Cristo soltanto. È Cristo e la sua Parola. È Cristo e la sua Chiesa. È Cristo e lo Spirito Santo. È Cristo e il Padre celeste. Così San Paolo nella Lettera agli Efesini: “Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d’angolo lo stesso Cristo Gesù. In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito (Ef 2,19-22). Questa verità così viene illuminata nella stessa Lettera: “Ed egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri, per preparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo, finché arriviamo tutti all’unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, fino all’uomo perfetto, fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo. Così non saremo più fanciulli in balìa delle onde, trasportati qua e là da qualsiasi vento di dottrina, ingannati dagli uomini con quella astuzia che trascina all’errore. Al contrario, agendo secondo verità nella carità, cerchiamo di crescere in ogni cosa tendendo a lui, che è il capo, Cristo. Da lui tutto il corpo, ben compaginato e connesso, con la collaborazione di ogni giuntura, secondo l’energia propria di ogni membro, cresce in modo da edificare se stesso nella carità (Ef 4,11-16). Chi sono i santi? Coloro che si lasciano edificare sulla roccia che è Cristo, che è la Chiesa, e a loro volta diventano edificatori, costruttori del corpo di Cristo che è la Chiesa.

San Pietro sviluppa la stessa verità: “Allontanate dunque ogni genere di cattiveria e di frode, ipocrisie, gelosie e ogni maldicenza. Come bambini appena nati desiderate avidamente il genuino latte spirituale, grazie al quale voi possiate crescere verso la salvezza, se davvero avete gustato che buono è il Signore. Avvicinandovi a lui, pietra viva, rifiutata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio, quali pietre vive siete costruiti anche voi come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo. Si legge infatti nella Scrittura: Ecco, io pongo in Sion una pietra d’angolo, scelta, preziosa, e chi crede in essa non resterà deluso. Onore dunque a voi che credete; ma per quelli che non credono la pietra che i costruttori hanno scartato è diventata pietra d’angolo e sasso d’inciampo, pietra di scandalo. Essi v’inciampano perché non obbediscono alla Parola. A questo erano destinati. Voi invece siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere ammirevoli di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa. Un tempo voi eravate non-popolo, ora invece siete popolo di Dio; un tempo eravate esclusi dalla misericordia, ora invece avete ottenuto misericordia” (1Pt 2,1-10). Nessuna vera santità sarà mai possibile se non si edifica sulla roccia che è Cristo, che è la Chiesa di Cristo, edificata sul fondamento degli apostoli, di Pietro, dei profeti. Un cristiano fuori della Chiesa è pietra per se stesso, ma non è edificio santo. Una pietra senza edificio a nulla serve. È pietra abbandonata a se stessa. Pietra senza il suo vero fine. Senza legame con la Chiesa non c’è alcuna vita.

Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

Oggi sono molte le pietre cadute dalla parete della Chiesa. Ma non è questa la vera disgrazia. La vera calamità è che si insegna che a nulla serve la Chiesa. Senza Chiesa non c’è Cristo, non c’è Parola, non c’è grazia, non c’è verità, non c’è luce. È peccato contro lo Spirito Santo dichiarare cammino verso la luce un cammino nelle tenebre.

Madre di Dio, Angeli, Santi, aiutateci ad edificarci nella Chiesa per edificare la Chiesa.

©2020 Designed By Utility Line Italia

Search